Vigneti Valpolicella

Il territorio della Valpolicella

Il territorio della Valpolicella si estende a nord di Verona, in una fascia collinare ai piedi delle Prealpi veronesi, racchiusa tra il lago di Garda ad ovest e protetta dai Monti Lessini a nord ed a est.

Il paesaggio della Valpolicella è un susseguirsi di vallate e colline quasi ovunque vitate o talvolta coltivate a olivi e ciliegi. Le caratteristiche geologiche e climatiche del territorio rendono i suoi vini unici per tipicità ed originalità: Amarone, Recioto, Valpolicella Classico e Ripasso sono conosciuti in tutto il mondo.

La forma di allevamento tradizionale è a pergola e la coltivazione dei vigneti è affidata all’esperienza dei viticoltori che fondono le tecniche tradizionali con l’utilizzo di nuove tecniche compatibili con l’ambiente (come ad esempio la Produzione Integrata) promosse e sostenute dal Consorzio di Tutela Vini Valpolicella.

IMG-20170509-WA0001

LINEA MILO - Vini da Maestro

Nel 2015 nasce l’idea di Milo Manara, noto fumettista di fama internazionale, di dare vita a dei personaggi femminili legandoli ai vini della Valpolicella, in una fusione tra Arte e Territorio capace di stimolare il palato attraverso la fantasia e viceversa.

Già molti anni prima l’amore per l’arte e le cose belle aveva ispirato alcune collaborazioni del Maestro Manara con il mondo del vino. Nel tempo la sua passione per l’Arte e per i frutti del suo Territorio, la Valpolicella, è cresciuta ed ha trovato la massima espressione e la piena maturazione nella linea di Vini Milo, vini da Maestro.

La linea di Vini Milo descrive le caratteristiche organolettiche dei più famosi vini della Valpolicella AMARONE, RECIOTO, VALPOLICELLA CLASSICO, VALPOLICELLA RIPASSO e VELOROSSO attraverso le sembianze fisiche e le note del carattere di cinque splendide creature femminili rispettivamente AMALIA, DEJANIRA, CLOE, AMARANTA e BEATRICE.

IMG-20170420-WA0009

ARTE e TERRITORIO

Scrive Milo Manara:…”1499. Il grande pittore Luca Signorelli per affrescare il Duomo di Orvieto chiese che ogni anno gli venissero corrisposte 12 some di ottimo vino (circa mille litri): il contratto fu firmato. Quel giorno, Signorelli stabilì un legame “strettissimo”, fraterno, tra la pittura ed il buon vino.

Dato che bisogna sempre seguire l’insegnamento dei grandi, ho pensato di onorare ancora quell’antico legame affiancando alla mia arte un’altra forma espressiva: l’ottimo vino.

Dalle finestre del mio studio vedo i vigneti della Valpolicella ed è proprio qui che si salda quel legame antico….”

Milo Manara

IMG-20170509-WA0000

5 VINI per 5 SPLENDIDE FIGURE FEMMINILI

La fantasia dell’artista nel dipingere le etichette e nel descrivere le sue creature fa comprendere appieno il forte legame esistente tra arte, vini e territorio non appena si assaggia uno di questi splendidi ed ottimi vini.

Dice Milo Manara : “Ho accettato di partecipare a questo progetto perché sono appassionato di vino da sempre e i vini selezionati sono indiscutibilmente ottimi perché il valore centrale è la qualità del vino. Ho contribuito creando delle etichette che ne anticipassero la personalità. Le mie etichette non hanno una funzione solamente estetica e decorativa, ma devono dare un’idea di quello che si troverà nella bottiglia. È la sostanza che ha generato la forma”.

La storia che lega le cinque figure femminili è un vero casting dei sensi per un racconto da degustare fino in fondo. Una linea di bottiglie uniche da collezionare e da assaporare per veri wine lovers.